Lago di Pilato la leggenda

Nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini tra l’Umbria e le Marche, sotto il Monte Vettore la cima più alta dei Sibillini, si trova un lago di origine glaciale, il lago di Pilato

Questo lago si trova a 1941 metri di quota, è una delle principali attrazione del Parco Nazionale, quando c’è molta acqua forma laghetti comunicanti tra di loro, tipo degli occhiali.

Lago di Pilato

E’ profondo circa 9 metri, sul fondale si trovano degli inghiottitoi (fenomeni di origine carsica).

La leggenda dice che Ponzio Pilato dopo la sua morte, sarebbe stato caricato su di un carro di buoi, i quali girovagando per il centro Italia, sarebbero caduti con il carro al seguito, sprofondando proprio in questo lago.

Questo lago, inoltre era un luogo frequentato dai negromanti dove vi svolgevano dei riti magici, altre leggende dicono che sul fondo ci siano dei passaggi per arrivare nel mondo degli inferi.

Lago di Pilato vista verso Foce

Comunque sia, la Chiesa nel XIII secolo fece costruire dei muri attorno al lago per impedirne l’accesso.

Acque del lago di Pilato

Chi veniva trovato nei pressi del lago a svolgere cerimonie e riti per invocare gli inferi, veniva impiccato sul posto.

Per chi vuole partecipare alle nostre escursioni al lago di Pilato, può seguire il calendario escursioni. Il periodo più indicato è da giugno a settembre.

Monte Vettore escursione

La mia escursione in solitaria sul Monte Vettore del 12 luglio 2018, il monte più alto dei Sibillini il Monte Vettore che con i suoi 2476 metri sul livello del mare, sovrasta l’appennino umbro-marchigiano.

Autore dell’articolo sulla cima del Monte Vettore

Con un minimo di equipaggiamento escursionistico, e con una camminata a passo di montanaro, sono  partito dal valico di Forca di Presta alle ore 09:45 ho raggiunto la cima intorno alle ore 12:30.

Fioritura Pian Grande

Fioritura ai piedi dei Monti Sibillini dal lato del Pian Grande

Durante l’ascesa osservavo la fioritura di Castelluccio sul Pian Grande, in questo periodo al massimo della bellezza, mentre mi avvicinavo sempre di più all’imponente Scoglio dell’Acquila, ad un certo punto sul sentiero osservavo la croce dedicata a Tito Zilioli da qui prende il nome il rifugio Zilioli a 2250 s.l.m. situato sulla Sella delle Ciaule, prima di raggiungere la cima.

Cima del Monte Vettore

Giunto al rifugio si apriva un panorama mozzafiato sulla conca glaciale Cima dell’Osservatorio, Cima del Redentore, Pizzo del Diavolo, primeggiano in questa conca che sembra sprofondare al cui interno si trova il Lago di Pilato.

Lago di Pilato visto dalla cima del Monte Vettore

Sporgendosi di pochi metri dalla cima, è possibile vedere in parte il lago di Pilato, l’acqua limpida e trasparente è ancora abbondante e non sembra risentirne della siccità.

Alla cima del Monte Vettore, il panorama visto dal rifugio si ampia ulteriormente, si vede il Monte Sibilla, il lago di Fiastra, i Monti della Laga… nel punto più alto si erge una croce dove c’è un contenitore al cui interno ci sono dei quaderni autografati, tutto intorno alla croce oggetti lasciati come ricordo dagli escursionisti, tra cui una piccola statua della madonna.

Di seguito il percorso escursionistico per arrivare sulla cima del Monte Vettore.

Powered by Wikiloc