Orienteering stage

Orienteering a squadre svolto a Norcia (PG) il 27 giugno 2020.

Dopo una spiegazione su come si usa la cartina e la bussola da orientamento, si sono divise le squadre in gruppi.

Ogni squasdra doveva cercare delle lanterne sparse nel bosco, ad ogni lanterna a seconda della difficoltà veniva assegnato un punteggio.

Al termine della gara hanno vinto la squadra del gruppo femminile contro la squadra dei maschi, con un distacco netto in termini di punteggio 24 a 4.

Il capriolo

Il capriolo (Capreolus capreolus) è una specie diffusa nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Valnerina, ma anche in tutta Italia.

Lo possiamo osservare nelle ore in cui la sua attività è più intensa, ossia all’alba e al tramonto è una specie molto schiva, non si lascia avvicinare facilmente.

In inverno il mantello ha un colore bruno scuro, mentre l’estate marrone chiaro.

capriolo maschio – https://www.wildlifeaid.org.uk/product/adopt-a-deer/

Il maschio si distingue facilmente dalla femmina in quanto è munito di palchi che cadono (da ottobre a dicembre) e ricrescono (da febbraio-marzo) ogni anno.

Altro segno distinguibile dei caprioli è la parte bianca della regione perianale lo specchio anale, la femmina è provvista di un ciuffo di peli color bianco-crema che ricopre i genitali.

Il peso varia dai 12 ai 25 kg circa, lunghezza 100-140 cm circa.

Vive solitamente in zone boscose confinanti con radure aperte, spesso si possono notare ai bordi del bosco, dove in caso di allarme si rifugiano prontamente.

I maschi sono solitamente solitari, mentre le femmine vivono in branco.

Il periodo degli amori avviene nei mesi estivi verso luglio-agosto.

La gestazione dura circa 9 mesi e nascono 1-2 piccoli, una caratteristica particolare del capriolo è che l’ovulo una volta fecondato si inserisce nell’utero e non si sviluppa fino a dicembre, per poi continuare la sua crescita.

L’alimentazione del capriolo è molto selettiva rispetto ai suoi parenti ungulati come il cervo o il daino, predilige i germogli delle piante, erbe varie, frutti selvatici, sovente lo troviamo nei pressi di campi agricoli.

Solitamente quando sono in allarme (es. notano un animale, persona…) il maschio emette una specie di abbaio simile ad un cane ma molto più profondo che si sente anche a lunghe distanze.

Un capriolo può vivere anche 20 anni.

Per chi vuole adottare un animale selvatico, può andare su questo link:

https://www.wildlifeaid.org.uk/

Escursione giornaliera estiva abbigliamento-equipaggiamento

Prima di partire per un escursione giornaliera è importante, avere con sè un abbigliamento ed equipaggiamento adatti.

Di seguito alcuni consigli su cosa portare per una gita escursionistica estiva in montagna (le parole in blu contengono i collegamenti consigliati per gli acquisti):

Cappello, è importante per coprire la testa dai raggi solari, protezione dai raggi UV.
Occhiali sempre per ripararsi dal sole.
T-shirt da uomo e t-shirt da donna, a contatto con la pelle, traspirante.
Pile da uomo e pile da donna, sempre traspirante.
Pantaloni uomo, pantaloni donna.
Giacca a vento uomo, giacca a vento donna, soprattutto per il vento e la pioggia.
Calzettoni, possibilmente a collo alto, i piedi sempre caldi e asciutti.
Scarponi da montagna, meglio a collo alto, i scarponi sono una delle parti più importanti, dove non bisogna mai risparmiare, sono loro che ti riportano a casa, il marchio Scarpa per me la migliore.
Zaino da circa 30-40 litri.
Torcia frontale, per avere le mani libere ed in caso di sosta forzata.
Telo termico di emergenza, in caso di imprevisti.
Crema solare per le scottature, protezione +50
Kit primo soccorso.
Carta igienica.
Medicinali personali.
Acqua almeno 1 litro.
Cibo a sufficienza.
Mappa della zona e bussola.

zaino
zaino

Cammino delle terre mutate

Il cammino delle terre mutate, dal 23 al 26 luglio, una marcia solidale nelle terre del sisma.

Un cammino ad anello nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, il 23 luglio partenza da Norcia (PG), Castelluccio, Arquata del Tronto, Accumoli e ritorno a Norcia (PG).

Di seguito alcuni link di riferimento:

https://camminoterremutate.org/23-26-luglio-2020-il-cuore-dei-sibillini-marcia-solidale/

Avvoltoi importanza in natura

L’importanza degli avvoltoi in natura.

di Munir Virani – Al mondo ci sono 10.000 specie di uccelli, e moltissime le specie minacciate.

Gli avvoltoi sono tra i gruppi più minacciati al mondo. Quando si pensa ad un avvoltoio, la prima cosa che viene in mente è che sono creature brutte, avide, solo in cerca della vostra carne.

Voglio cambiare questa percezione, cambiare le sensazioni che si hanno nei confronti di questi uccelli, perché hanno bisogno della nostra compassione.

Veramente. E vi dirò perché.

Continua a leggere…

Centro Sport eco-compatibili Umbria – Norcia