Pericoli in casa il monossido di carbonio

Il Monossido di carbonio un nemico invisibile nelle nostre case.

Sta arrivando la stagione invernale ed è importante che gli apparecchi per il riscaldamento siano efficenti, altrimenti ci possono essere gravi rischi per la salute.
Uno dei pericoli più insidiosi è rappresentato dall’avvelenamento da monossido di carbonio.

Ogni hanno sono molte le intossicazioni, anche con casi di decessi.

Il monossido di carbonio (CO) è un gas incolore, inodore, insapore e non irritante.

Si produce quando bruciamo dei combustibili come la legna, carbone, metano, gasolio, benzina.

Quando abbiamo una diminuzione dei livelli di ossigeno, il monossido di carbonio può raggiungere concentrazioni tali da provocare anche la morte degli individui.

Quali sono gli impianti a rischio ?

Gli impianti più pericolosi sono gli scaldabagni a fiamma libera nei servizi igienici, le caldaie a gas poste in locali piccoli e con scarsa ventilazione, le canne fumarie o i canali da fumo con scarso tiraggio e gli impianti difettosi, mal funzionanti o non correttamente installati.

Cosa succede nel nostro organismo a contatto con elevate concentrazioni di Monossido di Carbonio ?

L’emoglobina, contenuta nei globuli rossi, è una molecola che si lega l’ossigeno. I globuli rossi, quindi trasportano emoglobina ricca di ossigeno e permettono a quest’ultimo di arrivare a tutti i tessuti che formano gli organi del nostro organismo.
La molecola del monossido di carbonio presenta un’affinità per l’emoglobina 200-300 volte maggiore rispetto all’ossigeno, questo significa che quando nell’aria circola il monossido di carbonio, questo si lega all’emoglobina a posto dell’ossigeno, quindi ai tessuti non arriva più ossigeno con conseguenze gravissime specialmente per il cervello, cuore, muscoli.

Vediamo le sintomatologie più comuni ?

Le persone che si trovano in un locale chiuso, in cui sta aumentando la concentrazione di CO, non hanno sempre la chiarezza di reagire in quanto i primi segni da intossicazione sono generici: mal testa, confusione mentale, vertigini, disturbi alla vista…),questi sintomi vengono sottovalutati associandoli ad altre cause più comuni, se la situazione si è protratta nel tempo, senza un intervento immediato del medico, si giunge in breve tempo alla morte.

Cosa bisogna fare nell’immediato ?

Appena ci si rende conto di un’intossicazione da monossido di carbonio, areare il locale, aprire le finestre o la porta per un periodo prolungato, se ci sono persone intossicate trasportarle in un luogo areato e chiamare subito il 118.

Alcuni dispositivi utili

Ci sono in commercio dei rilevatori di monossido di carbonio, sono preferibili quelli a batteria, se la corrente dovesse mancare, potete informarvi con il vostro rivenditore di fiducia, di seguito alcuni modelli che abbiamo trovato su internet:

Kidde Highthawk NHDCO/5DCO/900-0230 BSI Rilevatore di Monossido di Carbonio, a Batteria

La manutenzione dei dispositivi di riscaldamento è importante, devono essere sempre efficienti e funzionali.

Un altro pericolo che può causare dei seri incidenti, sono anche le comuni bombole a GPL, metano, butano, ed un rilevatore di gas può essere importante:

RILEVATORE DI GAS MAURER

Corso Survival Basic di ottobre

Si è svolto sui Monti Sibillini nel comune di Norcia (PG) il corso di sopravvivenza base della scuola Sibillini Adventure, a cui hanno partecipato allievi provenienti da diverse regioni d’Italia, il corso si è basato principalmente sulle tecniche di approntamento di un rifugio, tecniche di gestione degli alimenti e fuoco, passaggi in corde orizzontali, piante commestibili, nodi… e tanta voglia di divertirsi in piena sicurezza, grazie a tutti i ragazzi che hanno partecipato, la nostra scuola svolge regolarmente corsi di survival dal 2002 ed è sempre entusiasta di permettere alle persone di condividere l’esperienza del survival sui nostri splendidi Monti Sibillini. Arrivederci per altre avventure…

Prova Arco da caccia GT Hawk

Provato un nuovo modello di arco ricurvo il GT Hawk da 40 libbre. Questo arco presenta all’interno un listello in fibra di carbonio, che permette di avere una apertura morbida e graduale, senza il classico indurimento finale nella trazione,

Nonostante la presenza di carbonio, il prezzo è piuttosto basso, ma un arco divertente che può permettere di fare tiri soddisfacenti.

 

Gara Survival Sportivo Sibillini Adventure

GARA SURVIVAL SPORTIVO
SIBILLINI ADVENTURE
2^ EDIZIONE

 

Organizzazione: Sibillini Adventure Associazione Sportiva Dilettantistica

Dove: in Umbria a Pescia di Norcia (PG), tra lo splendido e selvaggio ambiente naturale con predominanza del massiccio calcareo dei Monti Sibillini ai confini dell’Umbria con il Lazio, uno dei posto privilegiati per il lupo appenninico, il cinghiale, l’aquila reale, il capriolo, la volpe.
Pescia di Norcia è una frazione costituita come posto di guardia per difendere il confine dello Stato Pontificio con il regno Borbonico, durante il percorso della gara si entra in un antico sentiero allora percorso obbligato chiamato Malepasso, dove i briganti attaccavano i viandanti depredandoli dei loro averi, il sentiero infatti porta in una valle molto stretta, che in alcuni punti costringe al passaggio di una sola persona con rocce a strapiombo ai lati, il borgo era costituito da numerose famiglie delle guardie, c’erano le osterie, il tribunale, le prigioni, le scuole, un ospedale, era una vera e propria cittadina piena di vita e attività, oggi è rimasta qualche rara famiglia che vive ancora in questo borgo abbarbicato sulla roccia della montagna.

Quando: sabato 19 novembre 2016.

Iscrizioni: potranno iscriversi tutti gli atleti maggiorenni entro il 15 novembre 2016 o al raggiungimento del numero massimo dei partecipanti n.60.

Briefing: incontro ore 08:00 (vedi coordinate), registrazione atleti e controllo materiale ed equipaggiamento inizio gara ore 09:00.
Tipologia: gara sperimentale non agonistica, con prove-ostacoli da superare, classifica a squadre e individuale, valida per la qualificazione alla gara finale anno 2017.

Percorso: lunghezza circa 12 km, il percorso della manifestazione è in ambiente Appenninico Umbro-Marchigiano tra i Monti Sibillini quota max di altitudine fino ai 1630 con un dislivello di 530 metri circa, circuito ad anello, è tutto in fuoristrada.

Sicurezza: la copertura telefonica in alcuni punti del tracciato è assente. Lungo il tracciato saranno istituiti i punti di controllo, dove addetti dell’organizzazione monitoreranno il passaggio degli atleti. L’allontanamento dal tracciato ufficiale oltre a comportare la squalifica dall’ordine di arrivo, avverrà ad esclusivo rischio e pericolo del concorrente.

Rispettare l’ambiente: la gara si svolge in ambienti naturali ed ecosistemi particolari. I concorrenti dovranno tenere un comportamento rispettoso dell’ambiente naturale, evitando di disperdere rifiuti, raccogliere fiori o molestare la fauna. Chiunque sarà sorpreso ad abbandonare rifiuti sarà penalizzato con la decurtazione dei punteggi.

Condizioni metereologiche: in caso di condizioni meteo avverse (nebbia fitta, intensi temporali, neve abbondante), l’organizzazione si riserva di effettuare anche variazioni di percorso in modo da eliminare potenziali pericoli o condizioni di forte disagio per i partecipanti, che saranno comunicate ai partecipanti e segnalate dagli addetti. L’organizzazione si riserva inoltre di sospendere o annullare la gara nel caso in cui le condizioni meteorologiche mettessero a rischio l’incolumità dei partecipanti.

Chi può partecipare: atleti tesserati, le squadre saranno formate da 3 partecipanti (leader, mediatore, gregario), di cui un istruttore o esperto, per partecipazione alla manifestazione è necessaria avere esperienza in ambiente outdoor, preferibilmente aver frequentato almeno un corso base di survival o corso propedeutico alla gara, certificato medico di buona salute, la commissione del Settore Survival CSEN valuterà comunque l’idoneità alla partecipazione della squadra.
I concorrenti dovranno raggiungere il punto di ritrovo con i propri mezzi e dovranno avere un abbigliamento alla partenza, adatto alla stagione in cui viene svolta manifestazione.

Obbligatorio avere il seguente materiale: fischietto, telo survival o simile, 1 litro di acqua, una fonte di luce artificiale (tipo torcia frontale), giacca antipioggia (tipo goretex), barretta energetica, si consiglia di portare un cellulare con batterie cariche.

Le prove
: un passaggio in corde, prova gestione del fuoco, tiro con attrezzi primitivi, simulazione autosoccorso con trasporto ferito, segnalazioni di emergenza, prova di orientamento-topografia, resistenza psico-fisica, riconoscimento flora, prova nodi.

Quota di partecipazione
: Euro 25 a partecipante.

Tempo massimo
: 10 ore, rientro al campo base previsto ore 19:00

Penalità
: non hanno il materiale obbligatorio, tagliano il percorso previsto, abbandono rifiuti, disturbo della fauna, deturpamento della flora, omissione di soccorso concorrente in difficoltà, saltare un posto di controllo, maltrattamento dello staff e altri atleti, utilizzo di un mezzo di trasporto, rifiuto di non osservare le direttive dello staff.

Premi: sono previsti premi in natura e/o materiale tecnico alle prime 3 squadre classificate e ai primi 3 atleti per la classifica individuale.

Diritti di immagine: con l’iscrizione, i concorrenti autorizzano l’organizzazione all’utilizzo gratuito, senza limiti territoriali e di tempo, di immagini fisse e in movimento che li ritraggano in occasione della partecipazione alla manifestazione.

Responsabilità: la volontaria iscrizione e la partecipazione alla manifestazione indicano la accettazione del presente regolamento e delle modifiche eventualmente apportate. Con l’iscrizione, il partecipante esonera gli organizzatori da ogni responsabilità, sia civile che penale, per danni a persone e/o cose da lui causati direttamente o indirettamente.

Copertura assicurativa: viene applicata la tessera atleta base, per coperture diverse visionare le tabelle assicurative dello CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale) visibili sul sito www.csen.it.
Informazioni e iscrizioni: tel. 0743.596044 – Fax 0743.394512 – Cell. 348.7288365 www.sibilliniadventure.it – info@sibilliniadventure.it – www.csen-survival.net

GPS Garmin

Nelle mie escursioni quando posso utilizzo il GPS della Garmin, fino ad ora mi sono trovato sempre molto bene, il mio primo modello è stato l’E-trex successivamente ho preso il 62S, attualmente sono arrivati al modello 64s.

Ci sono andato in vallate montane abbastanza impervie, tra il fitto dei boschi, durante le escursioni invernali anche con bufere di neve, ed il segnale è stato sempre ottimo, lo consiglio a tutti gli escursionisti e amanti dell’outdoor.

In una situazione particolare l’ho utilizzato anche come navigatore per fuoristrada in zone dove il cellulare non prendeva e mi ha portato egregiamente a casa.

Usato spesso per preparare percorsi di orientamento per aspiranti istruttori di survival.

GPS Garmin 64s
GPS Garmin 64s

Garmin GPSMAP 64S GPS Portatile Impermeabile, Schermo Colori 2,6″, Altimetro Barometrico, Bussola Elettronica, Arancione/Nero

Famiglia survival

I corsi di survival per famiglie sono dei corsi, che insegnano ai più piccoli, a comprendere quali sono le cose utili da imparare in un ambiente naturale, insegnano ad essere più responsabili e capaci, aumentano la fiducia in se stessi e la sicurezza nell’affrontare i problemi, imparare nei limiti a badare a se stessi, una grande opportunità per i genitori di condividere queste esperienze con i loro figli.

Corsi di tiro con arco a Norcia

Corsi di tiro con arco
Corsi di tiro con arco

Iniziano i corsi di tiro con arco a Norcia (PG).

Quando: sabato 29 ottobre 2016, appuntamento alle ore 15:00 presso il campo situato nei pressi dell’Hotel Salicone.

Sono inviati tutti gli appassionati e neofiti del tiro con l’arco bambini e adutli, che vogliono provare anche per la prima volta, questo affascinante sport.

Ci saranno delle prove gratuite con tutto il materiale messo a disposizione dall’associazione.

I corso sono seguiti da istruttori qualificati di tiro con l’arco istintivo.

Finito il corso base potrete entrare a far parte della Compagnia Arcieri del Nera.

Partecipare a gare e rievocazioni storiche di tiro con l’arco, approfondimenti culturali attraverso seminari, stage.

Passare una domenica spensierata e divertente in mezzo ai boschi tirando a sagome in 3d con il famoso tiro istintivo, al bellissimo campo che si trova ai Casali di Serravalle nei pressi dell’agriturismo “La Valle del Sambuco” a 3 km da Norcia.

Vi aspettiamo per tirare 4 frecce in Compagnia.

Consigli escursioni invernali + giorni

Equipaggiamento invernale:

  • zaino da escursionismo almeno 35-40 litri.
  • berretto o cappello invernale (ottimo la tipologia passamontagna).
  • borraccia (che possa contenere almeno un litro di acqua).
  • coltellino multiuso tipo Victorinox (almeno lama e seghetto).
  • necessario per toilette, pila con batteria di riserva tipo frontale (preferibile).
  • pantaloni pesanti tipo militare o da trekking impermeabili (possibilmente)  o escursionismo invernale.
  • scarponcini da trekking invernali (ottimi i scarponi canadesi tipologia Sorel).
  • calzettoni invernali (almeno 2 paia).
  • un pile o maglione.
  • una tuta da ginnastica o tipo salopette.
  • guanti invernali (ottimi la tipologia a moffola).
  • guanti da lavoro.
  • giacca a vento invernale.
  • sacco a pelo invernale adatto a temperature fino a -25/30 sottozero.
  • materassino.
  • occhiali da sole (ottimi la tipologia di alpinismo).
  • eventuali medicinali personali con comunicazione medica agli istruttori.

E’ buona norma nel scegliere l’abbigliamento adatto, utilizzare la tecnica del vestiario a cipolla o a strati, ossia togliere o mettere gli indumenti a seconda delle temperature esterne ambientali e interne del proprio corpo, molto importante è inoltre la traspirabilità del vestiario, evitando compartimenti stagni.

Teambuilding

I corso di survival che proponiamo sono ottimi esercizi per il teambuilding, soprattutto per chi deve formare team sinergici e affiatati, elementi come fiducia, gioco di squadra, gestione del rischio, competenze.

I nostri corsi sono divertenti ed emozionanti, non c’è niente di meglio per una squadra come quello di approntare dei passaggi in corda per un attraversamento di un torrente, gestire un campo base per passare la notte, costruire un igloo…

Attraverso vari studi e ricerche ormai è stato confermato, quanto le attività outdoor possano contribuire alla formazione dell’individuo e al suo miglioramento psico-fisico.

Vi aspettiamo per vivere insieme questa unica esperienza di “Survival Teambuilding”

Sibillini Adventure ASD Loc. Case Sparse n.298 – 06046 Norcia (PG) C.F. e P.I. 02816750547