Introduzione alla falconeria – nuovo corso

Si comunica che la Sibillini Adventure sta organizzando un nuovo corso di falconeria di 3 giorni dal 28 febbraio al 1 marzo 2020, per chi desidera può iniziare anche sabato mattina del 29 febbraio, ancora posti disponibili.

Di seguito il link per informazioni.

Per maggiori info e iscrizioni potete contattarci.

Astore selvatico addestrato

La falconeria è un arte, in questo bellissimo video vediamo un astore preso allo stato selvatico e addestrato.

Dei falconieri esperti, catturano un astore selvatico, e utilizzano le tecniche antiche di addestramento, finale…. da non perdere.

N.B.
In Italia la cattura dei rapaci è vietata in quanto sono delle specie protette.

Falconiere per un giorno

I falconieri dei Sibillini organizzano falconiere per un giorno.

Il giorno 19 ottobre una giornata con i rapaci a Norcia (PG).

Alimentazione, anatomia, cure, addestramento, interazione con i rapaci sia notturni che diurni.

Visita ad alcune specie di rapaci che possiamo trovare nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

La falconeria classica fa parte della specialità del bushcraft, nota parola anglosassone.

Per partecipare è previsto il tesseramento CSEN.

Falconeria corso avvicinamento

I Falconieri dei Sibillini organizzano:

Falco Pellegrino in volo

Corso di falconeria
Per i giorni 8-9-10 novembre “Corso di avvicinamento alla falconeria” per chi vuole imparare a gestire e addestare un rapace in autonomia, sia diurno che notturno. Chi vuole può iniziare anche i sabato 9 novembre.

Indicato per animatori, guide, istruttori, formatori, insegnanti, che vogliono avere un rapace o che hanno già un rapace.

Previsto tesseramento CSEN.

Per informazioni e iscrizioni inviarci un e-mail.

Prossime date del corso il 20-21-22 dicembre 2019.

Storia della falconeria

La falconeria come mezzo di caccia per procurarsi il cibo, ha origini antichissime, risale a circa 5000 anni fà nata in Medio Oriente. Successivamente la falconeria ha avuto il suo massimo splendore nel medioevo, ad ogni specie di rapace corrispondeva un titolo nobiliare.

Poi con l’avvento delle armi da fuoco, la falconeria era quasi scomparsa, successivamente i falchi vennero visto come qualcosa di nocivo e venivano uccisi senza scrupoli.

Negli anni ’70 a causa del buco dell’ozono le uova dei pellegrini non riuscivano a schiudersi naturalmente, provocando quasi l’estinzione di questo magnifico rapace, tutte le associazioni, federazioni e falconieri del mondo si unirono per evitare l’estinzione del pellegrino, contro il buco dell’ozono, un unione internazionale per una causa ambientale senza precedenti.

Negli anni ’80 la falconeria venne rivalutata, sviluppandosi senza precedenti, fino a tutelare i rapaci come specie protetta. Oggi la falconeria è diffusa in tutto il mondo, con migliaia di associazioni e appassionati.

La falconeria viene praticata attraverso la caccia, le dimostrazioni, didattica ambientale, allevamento e riproduzione di rapaci, bird control.