Ciavardello

Il Ciavardello appartiene alla famiglia delle Rosaceae, è un albero alto 15-20 m oppure un arbusto alto 1-7 m, con chioma globosa, irregolare e densa, appiattita. L’aggettivo “torminalis” deriva dal fatto che tormina significa colica, infatti i suoi frutti venivano usati per trattare la colite. Il tronco, che ha la corteccia liscia grigio-bruna macchiata da lenticelle chiare che diventa rugosa e screpolata con il tempo, è eretto a volte policormico, con rami ascendenti bruno grigiastri, lucidi e angolosi. La corteccia una volta era usata come colorante rosso-bruno.

I frutti ricchi di vitamina C sono pomi ovoidali dal sapore acidulo, rossastri prima e poi color ruggine e punteggiati da lenticelle, li ho mangiati e devo dire che una volta maturi hanno un buon sapore sembra marmellata.

Contengono 4 semi rosso bruni e restano sulla pianta tutto l’inverno, fornendo cibo agli uccelli proprio come il Sorbo degli uccellatori (e difatti anche il Ciavardello viene impiegato per attirare l’avifauna migratoria a scopo venatorio).

Con i suoi frutti maturi si possono preparare marmellate e sciroppi, oppure previa fermentazione un distillato di elevato valore economico. Il suo polline non è allergenico. Arriva a 100 anni di età, ma solo di rado.

Taggato , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Giuseppe Fasulo

- Master-istruttore Survival CSEN - Guida Escursionistica Professionista LAGAP - Formatore Professionista AIF - Istruttore nazionale di tiro con l'arco FIARC - Istruttore tiro con arco CSEN - Istruttore di Montagna CSEN - Referente Nazionale Settore Survival CSEN - Esperto in formazione e pratiche outdoor dal 1996.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *